Documento senza titolo
Fragilità La virtù dimenticata
di Borgna   Eugenio
tratto da Avvenire del 23/08/2016
 

Quest'epoca senza dubbi l'ha ridotta a sintomo di malattia. Eppure essa custodisce valori di sensibilità, dignità ed empatia. Le riflessioni dello psichiatra Eugenio Borgna 

La parola alta e luminosa di Blaise Pascal ci immerge immediatamente nelle fondazioni esistenziali della fragilità. «L'uomo non è che una canna, la più fragile di tutta la natura, ma è una canna pensante. Non occorre che l'universo intero si armi per annientarlo: un vapore, una goccia d'acqua è sufficiente per ucciderlo. Ma quando l'universo lo schiacciasse, l'uomo sarebbe anche allora più nobile di ciò che lo uccide, perché egli sa di morire e il vantaggio che l'universo ha su di lui. L'universo non ne sa nulla». 

 

La fragilità negli slogan mondani dominanti è la immagine di una esperienza inutile e antiquata, immatura e malata, inconsistente e destituita di senso, estranea allo spirito del tempo, e invece nella fragilità si adombrano valori di sensibilità e di delicatezza, di gentilezza e di dignità, di comunione con il destino di sofferenza di chi sta male. La psichiatria, a sua volta, quando sia psichiatria umana e gentile, psichiatria della interiorità, non può considerare la fragilità come sintomo di un disturbo psichico - ancora oggi talora si sostiene questo - ma come una forma di vita donatrice di senso: cosa che mi è stato possibile constatare (anche) nel cuore della follia, testimonianza di una stremata e ultima fragilità, nei miei anni di lavoro in un ospedale psichiatrico femminile: quello di Novara. 

 

Come definire la fragilità? Fragile è una cosa (una situazione) che si può rompere, e fragile è un equilibrio emozionale che si può frantumare, ma fragile è anche una cosa che non può se non essere fragile: questo è il suo destino. Sono fragili, e si possono rompere, non solo quelle che sono le nostre emozioni e le nostre ragioni di vita, le nostre speranze e le nostre inquietudini, le nostre tristezze e i nostri slanci del cuore, ma anche le nostre parole che non sempre sanno consolare, e ridare speranza al dolore. (L'area semantica della fragilità sconfina senza fine in quella della debolezza e della sensibilità che ne completano gli orizzonti tematici.) Quali emozioni si possono considerare fragili? Sono fragili la tristezza e la timidezza, la mitezza e la speranza, la gioia e la tenerezza, la nostalgia e le lacrime, che, se non fossero fragili, perderebbero il loro fulgore e la loro significazione umana.

 

Le emozioni fragili si scheggiano facilmente, non resistono all'avanzata dei ghiacciai della noncuranza e della indifferenza, delle tecnologie trionfanti e degli idoli consumistici; ma cosa sarebbe la speranza se non fosse nutrita e intessuta di fragilità? Non sarebbe se non una delle tante problematiche certezze che, nella loro impenetrabilità al dubbio, svuotano di senso la vita. Anche la gioia è una emozione fragile e luminosa: sgorga in noi, come una fontana d'acqua in alta montagna, dalla vita interiore, e fragile è la tristezza dell'anima, che non è mai estranea alla fragilità; e a ciascuno di noi è demandato il compito di ricercare le tracce della gioia e della speranza, della tristezza dell'anima, nei volti e negli sguardi, negli occhi e nel sorriso delle persone che la vita ci fa incontrare. 

 

La malattia porta alla luce della coscienza le nostre umane fragilità, e ne crea altre, ancorate alla angoscia, che è angoscia della morte. Ma ciascuno di noi rivive il suo essere malato in modi diversi, e, se si vuole essere di aiuto a chi sta male, dovremmo sapere ascoltare (anche) le parole inespresse del dolore e della fatica di vivere, del silenzio e della nostalgia. Non ci sono nondimeno solo le fragilità del corpo e dell'anima, che sono visibili nella loro fenomenologia, ma ci sono anche le fragilità che si nascondono nelle sensibilità ferite dalla timidezza e dalla tristezza, dalla inquietudine dell'anima e dal silenzio. Sono umane fragilità che ci passano accanto nella vita di ogni giorno, e non è facile riconoscerle. Sono fragilità che gridano nel silenzio dell'anima, e sono udite solo quando ci siano in noi sensibilità e attenzione che, quando è ardente, come dice Simone Weil, appartiene all'ordine della grazia. Riconoscere queste fragilità, le fragilità che vivono segrete nel cuore delle persone nei diversi luoghi della loro vita, è cosa ancora più importante, vorrei dire, che non quella di riconoscere le fragilità che sono in noi.

 

Recuperare il significato della fragilità, la sua complessità, e le sue metamorfosi, e riconoscerne le tracce negli altri, è un dovere morale, un servizio, al quale siamo tutti chiamati. Nella vita è così facile non accorgersi della fragilità, della vulnerabilità e delle sensibilità, delle ferite dell'anima, delle persone con cui ci incontriamo, e che magari fanno parte delle nostre famiglie, senza che, non per mancanza di amore, e talora per paura, o per pudore, ci sia possibile riconoscerle; ma come riconoscerle? Allontanandoci dalle febbrili quotidiane occupazioni, che ci distraggono dalla nostra vita interiore, e recuperando la solitudine, la grande solitudine interiore, che ci consente di scendere nelle profondità del nostro io. Non è facile salvare la solitudine in noi ma non stanchiamoci dall'andarne alla ricerca: ci avvicinerebbe alle fragilità che sono in noi, e a quelle che sono negli altri, ritrovandone gli orizzonti di senso. La solitudine è una buona compagna di strada nel cammino della nostra vita, dolorosa talora, perché ci confronta con le nostre emozioni, con i nostri conflitti, e soprattutto con le nostre fragilità. Non vorremmo avere fragilità in noi, e siamo ogni volta tentati di non guardarle, di considerarle estranee alla nostra vita, ma così inaridiamo i nostri cuori che dalla fragilità sono nutriti di mitezza, e di slancio a interiorizzare le esperienze. 

La fragilità è desiderio di ascolto, di gentilezza, di servizio a sé e agli altri, e ci consente di sfuggire al fascino stregato delle ideologie, al deserto della indifferenza e dell' egoismo, della aggressività e della violenza. Come dice von Hofmannsthal, il grande scrittore austriaco, il più pericoloso avversario della forza è la fragilità. Le persone fragili conoscono la tristezza dell'anima, e non l'immagine gelida del potere, sono inclini di natura ad ascoltare le persone che hanno bisogno di aiuto, le più sole e le più povere in particolare, sentendo le vicine alla loro sensibilità. Mai le persone fragili sono capaci di fare del male, e la fragilità dischiude il loro cuore alla gentilezza e alla tenerezza, alla comunione e alla solidarietà, alla preghiera; e come non pensare, leggendo i manoscritti autobiografici di santa Teresa di Lisieux, alla sua arcana fragilità? In conclusione vorrei richiamarmi alle parole di san Paolo nella Seconda lettera ai Corinzi (12,9 10). «Ed egli mi ha detto: "Ti basta la mia grazia; la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza". Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze perché dimori in me la potenza di Cristo. Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte». 

 

La fragilità è mirabilmente testimoniata nella sua epifania e nella sua connotazione, non solo umana, ma cristiana, da queste parole. 

NEWS
Documento senza titolo
 
mercoledì 5 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il missionario 

 

 
#####
 
 
mercoledì 12 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
La religiosa 

 

 
#####
 
 
mercoledì 19 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il testimone

 

 
#####
 
 
mercoledì 26 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il pastore

 

 
#####
 

Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER DI NICODEMO
Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
DAI GIORNALI
il dialogo fra culture e religioni
###
Scomunica sì, ma ...
###
«Caste, eredità cristiana» II negazionismo hindu
###
LA MESSA FESTIVA
Documento senza titolo
Messa rito Ambrosiano
Messa rito Romano
Omelia rito Ambrosiano
Omelia rito Romano
Sei il visitatore