Documento senza titolo
LETTURE DELLA FESTA:  Tempo Ordinario - 18a Domenica - B - R
I LETTURA commento
Esodo 16,2-4.12-15

In quei giorni, nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne. Gli Israeliti dissero loro: "Fossimo morti per mano del Signore nel paese d’Egitto, quando eravamo seduti presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatti uscire in questo deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine".

Allora il Signore disse a Mosè: "Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per vedere se cammina secondo la mia legge o no. 12 Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: Al tramonto mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore vostro Dio".

13 
Alla sera le quaglie salirono e coprirono l’accampamento; al mattino c’era uno strato di rugiada intorno all’accampamento. 14 Poi lo strato di rugiada svanì ed ecco sulla superficie del deserto c’era una cosa minuta e granulosa, minuta come è la brina sulla terra. 15 GIi Israeliti la videro e si dissero l’un l’altro: "Man hu: che cos’è?,", perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro: "È il pane che il Signore vi ha dato in cibo".

SALMO commento

Salmo 77 

3 Ciò che abbiamo udito e conosciuto
e i nostri padri ci hanno raccontato,
4 diremo alla generazione futura:
le lodi del Signore, la sua potenza
e le meraviglie che egli ha compiuto.

23
Comandò alle nubi dall’alto
e aprì le porte del cielo;
24 fece piovere su di essi la manna per cibo
e diede loro pane del cielo:
l’uomo mangiò il pane degli angeli.

25
Il Signore diede loro cibo in abbondanza.
54 Li fece salire al suo luogo santo,
al monte conquistato dalla sua destra.

II LETTURA commento

Efesini 4,17.20-24

Fratelli,
17 vi dico e vi scongiuro nel Signore: non comportatevi più come i pagani nella vanità della loro mente.

20 Voi non così avete imparato a conoscere Cristo, 21 se proprio gli avete dato ascolto e in lui siete stati istruiti secondo la verità che è in Gesù, 22 per la quale dovete deporre l’uomo vecchio con la condotta di prima, I’uomo che si corrompe dietro le passioni ingannatrici. 23 Dovete rinnovarvi nello spirito della vostra mente 24 e rivestire l’uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella santità vera.

VANGELO commento

Giovanni 6,24-35

In quel tempo,
24 quando la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, sari sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. 25 Trovatolo di là dal mare, gli dissero: "Rabbì, quando sei venuto qua?". 26 Gesù rispose: "In verità, in verità vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. 27 Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna, e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo". 28 Gli dissero allora: "Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?". 29 Gesù rispose: "Questa è l’opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato".

30 Allora gli dissero: "Quale segno dunque tu fai perché vediamo e possiamo crederti? Quale opera compi? 31 I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: "Diede loro da mangiare un pane dal cielo"". 32 Rispose loro Gesù: "In verità, in verità vi dico: non Mosè vi ha dato il pane dal cielo, ma il Padre mio vi dà il pane dal cielo, quello vero; 33 il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo". 34 Allora gli dissero: "Signore, dacci sempre questo pane". 35 Gesù rispose: "Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete".

 
OMELIA
 
I VOSTRI COMMENTI ALLE LETTURE

Commento di angelo 2015 sabato 1 agosto 2015
Chi o che cos’è “il pane di Dio che discende dal cielo e dà la vita al mondo”? E’ la persona storica di Gesù di Nazareth “divinizzato” o la parola nuova (la buona notizia) che Gesù ha portato al mondo? I segni cui Gesù allude (e che sfuggono alla comprensione dei discepoli) sono indizi per capire il suo messaggio o sono fatti prodigiosi per abbagliare i lettori con la potenza di Dio? Chi scrive il “vangelo” di Giovanni: un discepolo che ha conosciuto Gesù e ne ha registrato le parole autentiche o una scuola teologica che dopo quasi un secolo dalla sua morte ha già filtrato il suo messaggio e ne ha fatto un atto di culto di una nuova religione? A noi è richiesto un atto di adorazione o un cambiamento di mentalità, “un rinnovamento nello spirito della vostra mente” come ci invita Paolo?
 
INSERISCI IL TUO COMMENTO
   
nome  
email  
   
commento  
NEWS
Documento senza titolo
 
mercoledì 5 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il missionario 

 

 
#####
 
 
mercoledì 12 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
La religiosa 

 

 
#####
 
 
mercoledì 19 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il testimone

 

 
#####
 
 
mercoledì 26 ottobre 2016

Centro missionario PIME
FRONTIERE
Il pastore

 

 
#####
 

Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER DI NICODEMO
Documento senza titolo
###
###
###
Documento senza titolo
DAI GIORNALI
Una laicità di nuovo tipo
###
La qualità della vita
###
Le disuguaglianze interpellano la giustizia
###
LA MESSA FESTIVA
Documento senza titolo
Messa rito Ambrosiano
Messa rito Romano
Omelia rito Ambrosiano
Omelia rito Romano
Sei il visitatore